Pasqua 2014 in Umbria: celebrazioni per la settimana santa

Weekend Pasqua Umbria, Pasqua Hotel in Umbria

Si avvicina la PASQUA  - domenica 20 aprile  - che da sempre è un ottimo pretesto per cambiare aria e scoprire qualche nuova destinazione o tornarvi una seconda volta se la prima ha lasciato il segno …. magari con qualche variazione sul tema. In una terra che è sinonimo di spiritualità e antiche tradizioni, dove i riti pasquali si celebrano con intensità e partecipazione, vivere la Pasqua è sicuramente un’esperienza indimenticabile.
A partire dai cibi, preparati seguendo le antiche ricette contadine, da gustare con gioia e devozione. Le processioni del venerdì santo, che offrono uno spettacolo di grande suggestione tra fede, passione e folklore, e si svolgono in alcuni dei borghi più belli della regione.
Le messe solenni della domenica per festeggiare la Resurrezione, celebrate in piccole chiese di campagna o maestose cattedrali che racchiudono tesori d’arte. E di tesori l’Umbria può vantarne, che siano monumenti, palazzi, opere pittoriche ma anche meraviglie della natura, custodite gelosamente grazie ad un attenta politica ambientale, ma messe a disposizione di turisti e visitatori. Non mancano quindi i luoghi per organizzare la “gita fuoriporta” del lunedì di Pasqua in Umbria, spaziando tra parchi naturali, città d’arte, sentieri francescani e pic-nic in riva al lago.

Di seguito vi presentiamo una rassegna delle più importanti celebrazioni in Umbria che ricorrono per la Settimana Santa, a cui potete ispirarvi per organizzare la vostra vacanza.

Tra le Via Crucis del Venerdì Santo segnaliamo:
GUBBIO: processione del Cristo Morto, risalente al XIII secolo, che si snoda per le vie del centro storico della città illuminate solo da torce.
ASSISI: è forse il momento più coinvolgente del Sacro Triduo Pasquale, con la partecipazione di tutte le Confraternite ed il centro storico interamente illuminato da fiaccole.
PERUGIA: qui si svolgono numerose Via Crucis nei quartieri più caratteristici della città e in Cattedrale viene esposta una venerata effige del Cristo Morto risalente al XIV secolo.
ORVIETO: qui la Via Crucis si veste di grande solennità  e tutto il centro storico viene addobato con preziosi drappi.
Rappresentazioni in costume, di antica tradizione, si possono trovare in molti borghi mediovali dell’Umbria.
A Gualdo Tadino sono 200 i figuranti che rievocano le scene della Passione e della Morte di Cristo, accompagnate dal suggestivo canto di sacre laudi del ’200.

Richiedi Informazioni

  1. (required)
  2. (required)
  3. (valid email required)
 

cforms contact form by delicious:days